Blog: http://rikkMoCinema.ilcannocchiale.it

Recensione: "Australia"

 Lo scorso lunedì ho visto "Australia", devo ammettere con un bel biglietto gratis..
Mi spaventava infatti la lunghezza prevista, 2h e 40m., infatti na tragedia.
Allora, per i primi 90 minuti, devo ammettere un bellissimo film, la storia dei mandriani
australiani di inizio anni '40 è veramente spettacolare ed entusiasmante.
Le scene con i manzi da spostare in mezzo al continente australiano sono fotografate
splendidamente in sottofondo a paesaggi mozzafiato che sembrano cartoline.Ecco appunto
il primo difetto, sembra tutto una pubblicità ad andare in australia, preconfezionato e un pò
finto. L'altro difetto è l'eccessiva melodramma con la lacrima facile che viene steso nelle
successive due ore, c'è l'amore, i litigi, la guerra, figli persi e ritrovati e viene tutto ben
confezionato ad arte per fare "emozionare" e piangere.
Nicole Kidman rimane un pò distaccata in alcune scene, chi le ruba la scena è l'ottimo
mandriano Hugh Jackman e soprattutto il bimbo maori, vero protagonista dell'intera vicenda.
Diciamo che da Baz Luhrmann, il cui ultimo film era quel capolavoro indiscusso di "Moulin
Rouge" io mi aspettavo di più ed anche da Nicole Kidman. Infatti gli Oscar hanno
completamente snobbato tutto il polpettone!


Pubblicato il 23/1/2009 alle 12.55 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web